blog di Alberto Grandi
Recensioni

Muori per me, il thriller di Elisabetta Cametti2 min read

5 Marzo 2021 3 min read

author:

Muori per me, il thriller di Elisabetta Cametti2 min read

Reading Time: 3 minutes

Articolo pubblicato su Wired.it

In Muori per me, thriller di Elisabetta Cametti, pubblicato da Piemme, succede un po’ di tutto. C’è una ragazza bellissima, scesa dalla montagna in una Milano così cinica da ricordare la New York di American Psycho, per realizzare i suoi sogni, scoprendo che  in realtà sono i peggiori incubi, ci sono tre fratelli che dettano legge nel mondo della moda e dei social media e che nel privato organizzano festini a base di droga e ragazzine disposte a ogni cosa per un briciolo di notorietà,  c’è un’ispettrice tosta, determinata, che a casa deve vedersela con un figlio bullo e al lavoro con una serie di cadaveri di donne torturate, annegate e poi riemerse sulle sponde fatate di quel lago che tutto il mondo ci invidia. Poi ci sono chef di fama internazionale, amanti picchiate e ricattate, detective privati e una verità così terribile che per essere divulgata e metabolizzata deve avvalersi di quegli stessi media che fin lì l’hanno distorta: i social network.

Succede molto e ci sono molti personaggi in questo romanzo di oltre 500 pagine che, complice una scrittura rapida, basata su dialoghi e azione, si legge con quella passione un po’ colpevole con cui si vede, che so, l’ennesima puntata di Non è l’arena sul caso Genovese dove, a turno, lo psicologo, la blogger, il criminologo e la politica dicono la loro. Questo thriller è un concentrato del nostro presente, dei suoi molti vizi e delle sue rare virtù. Nella disinvoltura nel mescolare tipi e situazioni che ritroviamo nella cronaca – la blogger che si vende per un pugno like, i festini a base di droga, i manager con deliri di onnipotenza – sta il segreto della sua morbosa godibilità. La Milano che tratteggia è la peggiore. Una Milano che non ha smaltito i postumi degli anni Ottanta e resa ancor più cinica dalla falsa promessa di fama e felicità che regalano le nuove tecnologie e chi sa utilizzarle a proprio vantaggio sulla pelle altrui.

L’influenza dei social media è un aspetto chiave della storia: oggi si tende troppo a identificare il successo col numero di follower, inquinando la nostra visione del reale, influenzando i nostri comportamenti. Riguardo ad Alberto Genovese, l’autrice, che è anche opinionista tv di attualità e cronaca, trova di aver scritto una storia che suona come una profezia, considerando che il romanzo è stato consegnato alla stampa poco prima che il caso scoppiasse a novembre dell’anno scorso. Un caso che ha portato i lettori nelle stanze private dove si svolgevano feste durante le quali il proprietario di casa si nutre di senso di onnipotenza e di impunità. “Questo è proprio il tema su cui si snoda Muori per me ” spiega Elisabetta Cametti. “Una storia che sarebbe potuta sembrare di pura fiction, se l’accaduto a Terrazza sentimento non fosse stato ripreso dalle telecamere e reso pubblico“.

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano i (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (technical cookies), per generare rapporti sulla navigazione (statistics cookies). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.