blog di Alberto Grandi
Home Recensioni

Eragon di Christopher Paolini – Recensione3 min read

27 Febbraio 2020 2 min read

author:

Eragon di Christopher Paolini – Recensione3 min read

Reading Time: 2 minutes

Recentemente ho letto Eragon di Christopher Paolini, primo libro del ciclo dell’Eredità che si compone di altri tre capitoli: Eldest, Brisingr, Inheritance. Volenti o nolenti, si tratta di un classico del fantasy degli ultimi 20 anni (il romanzo venne pubblicato prima a spese dei genitori di Paolini nel 2002, poi nel 2004) che deve il suo successo a vari aspetti. Il primo è l’accidentalità, tipica di ogni grande successo: pare che il romanzo venne portato all’attenzione della grande editoria, nel momento in cui vi s’imbatté Carl Hiassen, famoso giallista americano, in una piccola libreria del Montana.

Il secondo è ciò che c’è dietro il romanzo: una storia che colpisce l’immaginario collettivo e la stampa. Quella di un ragazzino che vive nel Montana, in una zona selvaggia i cui panorami lo ispireranno e che a soli quindici anni scrive un librone che verrà pubblicato quando ne ha diciassette.

Una volta, un mio amico aspirante scrittore (non faccio il nome) che aveva scritto un fantasy e lo aveva sottoposto a un editor (non faccio il nome) mi aveva detto che il suddetto editor gli aveva risposto così: “La storia è buona e sarebbe anche pubblicabile, ma se tu fossi un ragazzino al suo primo libro”.
Gli autori di fantasy in età puberale sono stati una moda e continuano a esserlo.

Oltre a queste premesse, però, c’è da dire che il romanzo – il primo, sugli altri non posso ancora esprimermi – è ben scritto, narra una storia il cui immaginario fantasy non ci racconta nulla di nuovo (elfi belli ed eterei, nani che vivono nelle montagne; non ci sono gli orchi, ma gli urgali ci si avvicinano parecchio, città medievaleggianti). L’unica – e potente – nota innovativa e su cui si basa gran parte del romanzo, è il rapporto simbiotico che si instaura tra Eragon e il drago-femmina Saphira.

Insomma, la grandezza di questo romanzo non sta nel coraggio di innovare e rischiare ma nel mantenere in buon equilibrio certe tematiche fantasy e in una prosa sapientemente dosata e sorprendente se portata avanti dalla mano di un quindicenne (e immagino di un robusto lavoro di editing), che sa raccontare in modo coerente gli eventi, e portare per mano il lettore dalla prima all’ultima pagina.

La storia, senza spoiler, si apre con l’incontro tra Eragon e una pietra grande e infrangibile che si scoprirà poi essere un uovo di drago. La prima parte ci fa conoscere il protagonista, un ragazzo che vive nella zona montuosa della Grande Dorsale dove caccia e divide la casa con lo zio e il cugino, e non sa di essere un predestinato. Poi c’è la parte del viaggio e che segna anche l’apprendimento delle arti della spada e della magia del ragazzo, indottrinato da un anziano – il classico mentore – che lo accompagnerà. La terza parte, la più bella, è quella della battaglia. Il finale non è un finale vero e proprio, anzi, il romanzo si chiude lasciando aperte tutte le porte e spingendo chi lo abbia apprezzato – come il sottoscritto – a comprare e leggere il secondo capitolo.

Cosa che farò non appena avrò terminato il romanzo che sto leggendo ora (Destinazione stelle di Alfred Bester).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano i (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (technical cookies), per generare rapporti sulla navigazione (statistics cookies). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.