blog di Alberto Grandi
Cose da scrittori

Scribacchiolando, di temi profondi e visioni del mondo3 min read

29 Giugno 2017 3 min read

author:

Scribacchiolando, di temi profondi e visioni del mondo3 min read

Reading Time: 3 minutes

???????????????????????????????????????????????????????????
Curiosamente l’argomento mi ha sfiorata più volte negli ultimi giorni, partendo comunque da persone diverse. Prima chiacchierando con un amico di narrativa e tematiche profonde, poi scorrendo l’homepage di Facebook e incontrando il post di un amico scrittore. Il tema.
Il tema del post di oggi è Il Tema.
Un tempo pensavo di essere una persona profonda, forse lo sono, che mi piace andare in fondo alle cose, grattare sui perché più superficiali e scoprire quelli meno visibili; di fronte a un comportamento inconsueto o a una visione tanto distante dalla mia, mi viene da interrogarmi sulle motivazioni. E diamine se mi piace discuterne e scavare e riportare a galla argomenti perduti.
Schermata 2017-06-29 alle 14.57.10
Allo stesso tempo, però, sono semplice come una zappa. Non me ne vanto, ma neanche me ne vergogno. È che trovo che l’essere umano sia fatto più di panza che di intelletto, e che pure l’intelletto sia primariamente dominato dalla panza. Voglio dire, se uno passa la propria vita a studiare la composizione chimica dell’universo, lo farà perché la cosa gli dà felicità e soddisfazione personale, no? La panza è tendere naturalmente alla felicità, a prescindere dai metodi. La panza è tutto; sotto Darwin e Galileo e Newton ci troviamo comunque la panza.
E dunque non so quanto io possa dirmi profonda, alla fine. Quel che è certo è che mi sto poco a poco allontanando dall’argomento ultimo di cotale puntata di Scribacchiolando. Le ragioni che sottostanno a un testo; la morale, il tema profondo, le istanze archetipiche, il messaggio veicolato dalla storia. C’è chi scrive per raccontare una storia, ed è quello che faccio io; c’è chi scrive perché con la sua storia vuole dire qualcosa di importante.
Il mio non è un discorso che vuole provare a indicare chi abbia o meno ragione, ci mancherebbe. Ognuno scrive per i motivi che lo spingono personalmente, non è mica una gara. Un po’ come la questione dei metodi, ognuno ha il suo.
È che mi è capitato spesso di chiudere un libro proprio perché il tema risaltava così tanto sulla storia da fagocitarla; i personaggi e le azioni finivano per diventare funzioni della morale, burattini senza volontà nelle mani di un fato che comunque è già abbastanza bloccato. Non capita tutte le volte, certo. C’è chi pur avendo a cuore il tema del proprio narrare, riesce a trovare un equilibrio tra quello che vuole dire a livello profondo e l’attenzione alla storia.
Equilibrio.
La mia personalissima posizione, invero, non sente il bisogno di ricorrere una riflessione ponderata sui temi e sui messaggi; credo che ogni storia finisca per veicolare la visione del mondo del narratore, e che questo fornisca automaticamente un messaggio. Che il narratore lo voglia o meno, perché quello che sta mostrando viene effettivamente da una parte profonda, dal centro della creazione delle cose.
E quindi? E quindi, non so.
Per me la narrazione è divertimento, sia dal lato della creazione che da quello della fruizione; non che debba mancare d’impegno, tutt’altro. Ma c’è quel limite che non mi va di valicare, tra le mie storie e “quello che potrei comunicare”. Tanto penso che il mondo che abito risulti chiaro alla prima lettura, come il mondo che mi passa per la testa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano i (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (technical cookies), per generare rapporti sulla navigazione (statistics cookies). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.