blog di Alberto Grandi
Articoli

King Arthur torna al cinema: 5 romanzi che hanno aggiornato il mito4 min read

11 Maggio 2017 4 min read

author:

King Arthur torna al cinema: 5 romanzi che hanno aggiornato il mito4 min read

Reading Time: 4 minutes

articolo di Giuliana Trucano per Wired.it

Siete pronti a una nuova battaglia per conquistare il trono dell’Inghilterra? Per chi ha sempre sperato di estrarre una spada nella roccia e per chi (saggiamente) ha sempre tifato per Merlino, un nuovo film su Re Artù sbarca al cinema e ci renderà tutti ansiosi di estrarre la spada nella roccia, cacciare i Sassoni e cercare il Sacro Graal.
Faremo il tifo per la nuova incarnazione bionda e imponente di Artù, l’attore inglese Charlie Hunnam, che avete visto in Son of Anarchy (e la cui fidanzata, nella vita reale, si chiama Morgana. A volte la realtà è meravigliosa…). King Arthur, il potere della spada è il nuovo film di Guy Ritchie, sceneggiatore britannico, ex marito di Madonna, e regista di successi cinematografici come Snatch e Sherlock Holmes.
Se non vi ricordate bene la mitologia arturiana o se la tematica vi appassiona, ecco i migliori romanzi che trattano il mito dei Cavalieri della Tavola rotonda, più un saggio che vi spiegherà perché in realtà “è tutto vero“. Ecco la storia di Artù e dei suoi cavalieri raccontata da cinque punti di vista diversi: a narrarcela saranno Merlino oppure un giovane guerriero, Morgana la fata o lo stesso re Artù e infine, uno storico moderno. Sedetevi molto comodi, ecco per voi i migliori libri che vi faranno viaggiare, di nuovo, nell’antica Britannia.
1. L’ultimo incantesimo di Mary Stewart (Elliot Edizioni)
La Elliot sta ristampando, con delle copertine veramente magiche, tutto il ciclo fantasy che Stewart ha dedicato a Merlino e alla sua giovinezza. Un’opera sì datata, ma che rimane sorprendentemente solidissima e affascinante e che dà molti punti al fantasy odierno. Merlino ci racconta la sua vita difficile, che lo porta a diventare, da orfano ripudiato dalla propria famiglia, a consigliere del re più potente del tempo. Ma in questo libro, il penultimo della saga, le ultime magie ormai sono compiute e sul destino di Camelot si staglia l’ombra di Mordred…

2. Il re d’inverno di Bernard Cornwell (Longanesi)

Un romanzo storico, che rilegge il ciclo arturiano in base ai pochi dati di cui disponiamo. Niente magie, nessuno stregone, ma la cruda realtà dell’epoca : stupri, schiavitù, le scorrerie dei Sassoni, una Ginevra rivisitata e il sogno di un re in fieri. Il punto di vista è quello del giovane Derfel, che cresce alla corte dell’Isola di Avalon e si trova testimone e spesso protagonista involontario delle vicende che coinvolgono Lancilotto, Nimue, Morgana e Artù.

3. Re Artù, la vera storia di Graham Phillips (Mondadori)
A proposito di dati storici, ecco un vero e proprio saggio. L’autore, Graham Phillips, per venticinque anni ha studiato l’argomento e in questo libro ci illustra le sue teorie. Egli sostiene, infatti, di aver trovato le prove dell’esistenza di Re Artù e di aver trovato la reale ubicazione di Avalon, situata nelle campagne dello Shropshire, nell’Inghilterra centrale. Per i cacciatori di tesori e gli aspiranti Indiana Jones, un libro imperdibile.

4. Re in eterno di TH White (Oscar Mondadori)
Romanzo di formazione di Artù, chiaramente ispirato a Thomas Malory, (l’autore de Le Morte d’Arthur ), è il testo che più ha influenzato l’immaginario moderno ( la chicca è che nel libro di White lo stesso Malory appare in un cameo). Disney si è ispirata proprio a questo libro di White per la famosa trasposizione in cartone animato, La spada nella roccia, ovviamente in chiave di favola per bambini (vi ricordate Semola, il barbuto Mago Merlino e il gufo Anacleto?). White, eccentrico personaggio che non disdegnava di praticare la falconeria, dipinge i suoi personaggi a tinte cupe, per una versione dark di Lancillotto, Artu e Morgawse.
5. Le nebbie di Avalon di Marion Zimmer Bradley (Tea)
Ai miei tempi sono stata chiamata in molti modi: sorella, amante, sacerdotessa, maga, regina. Ora, in verità sono una maga e forse verrà un giorno in cui queste cose dovranno essere conosciute…“, così comincia questa rilettura del ciclo arturiano. La storia è incentrata su Morgana e le sacerdotesse dell’Isola di Avalon, che sono sia pedine sacrificabili sia artefici dell’ascesa e della caduta di re Artù. Un romanzo imperdibile, sia per gli afflati femministi sia per la capacità della Bradley di aggiungere mistero e magia a un mito che pensiamo, erroneamente, di conoscere a menadito.
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano i (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (technical cookies), per generare rapporti sulla navigazione (statistics cookies). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.