blog di Alberto Grandi
Articoli

In Italia i libri non si leggono, "si ascoltano"3 min read

13 Dicembre 2016 3 min read

author:

In Italia i libri non si leggono, "si ascoltano"3 min read

Reading Time: 3 minutes

pezzo di Paolo Armelli per Wired.it

13milioni di italiani vivono in comuni senza una libreria: è questo il dato significativo presentato nei giorni scorsi dall’AIE (Associazione Italiana Editori) alla fiera della piccola-media editoria a Roma, Più libri più liberi.

L’8,6% dei comuni sopra i 10mila abitanti sono sprovvisti di un accesso diretto all’acquisto di volumi editoriali, valore che si alza nettamente nelle Isole e nel Sud. Secondo questa ricerca, minore è il numero delle librerie e ovviamente più basso è l’indice di lettura, quando anche la situazione delle biblioteche scolastiche è problematica, con circa mezzo milione di ragazzi che frequenta scuole senza biblioteche scolastiche. Ovvio, dunque, che le perdite maggiori di lettori negli ultimi 5 anni siano avvenute nei piccoli centri (-15,3%, rispetto a una perdita media nazionale del -9,1%).

libreria

Così esposti i dati fanno pensare a una situazione preoccupante, in cui il minore sviluppo urbano equivale a uno svantaggio di tipo culturale. Un’ulteriore ipotesi di ricerca si potrebbe lanciare nella direzione di incrociare questi dati con quelli dello sviluppo tecnologico: perché è chiaro che tutto il mondo dell’editoria digitale potrebbe in qualche modo calmierare una scarsità di approvvigionamento librario fisico, ma il timore è che questi piccoli centri siano gli stessi che abbracciano con più lentezza la digitalizzazione.

Nonostante ciò, sempre secondo i dati dell’AIE, l’editoria italiana sembra sempre più rivolta a un approccio digitale. Vitale in particolar modo è la tendenza al self-publishing: quasi un titolo su due (il 41,4%) degli ebook pubblicati viene da modalità di autopubblicazione, per un totale di 27-28mila persone che si sono pubblicate in autonomia. Fra i generi self-published più in crescita, oltre alla narrativa, anche la non-fiction pratica, soprattutto guide per il tempo libero (16,7% della produzione totale, quando nel 2010 erano al 8,9%) ma anche i libri per bambini.

In generale, secondo le stime dell’AIE sui ricavati dei player principali, il mercato del self-publishing vale almeno 17 milioni di euro, escludendo però tutta la produzione che transita attraverso il Kindle Direct Publishing di Amazon, che è comunque uno dei protagonisti fondamentali di questo trend dell’autopubblicazione. Così come Amazon, con la sua Audible, ha avuto il suo effetto nel rinverdire un genere innovativo come l’audiolibro.

audiolibro

Dopo un leggero boom attorno agli anni 2009, seguito subito da un altrettanto repentino calo, il settore degli audiolibri non aveva finora mai avuto grande fortuna in Italia, sia per la contingenza di un ristretto pubblico di lettori sia per la scarsità stessa dell’offerta. Oggi però qualcosa sta cambiando: secondo l’AIE, gli editori specializzati in audiolibri hanno attualmente 1.800-1.900 titoli in catalogo, numero che però sale a 2.400 su Audible. “La stima di fatturato è di circa 4,8-5,0 milioni di euro,” illustra Giovanni Peresson, responsabile Centro Studi di AIE. “Certo rimangono fuori versioni audio dei libri da parte di gruppi e grandi case editrici. Difficile però immaginare di andare oltre un valore di 7-8 milioni di euro.
Da tutto ciò si escludono i dati di Audible, secondo la consueta prassi del gruppo Amazon di non rivelare i propri dati di vendita. In generale però si può concludere che gli audiolibri rappresentino un 10%-11% del mercato digitale. Perché torniamo dunque ad essere affascinati dal formato audio? “Può essere parte di un processo che sta cambiando i modi di leggere: leggiamo molto più oggi rispetto a 10 anni fa, anche quella che compiano sui vari testi online è una lettura“, spiega Peresson. “Il verbo leggere dunque si declina sempre più in altri modi. La chiave forse è nella dimensione multitasking che assumiamo sempre più nei nostri comportamenti“.
Sembra quindi che il mercato librario in Italia viva un momento di forte evoluzione in cui si evidenziano ancora di più le contraddizioni: gli italiani si dimostrano adopter entusiasti di modalità digitali come il self-publishing o lo streaming di audiolibri, ma mantengono resistenze sulle lettura tradizionale, anche – si ipotizza – per scarsità di fonti d’approvvigionamento. Tutto ciò in un mercato editoriale completamente rimodellato dalle acquisizioni dell’ultimo anno, in cui però i grandi gruppi continuano a soffrire mentre resistono e crescono i piccoli-medi editori. Un quadro di slanci e di altrettanti ostacoli che fotografano un’editoria che può crescere ma in modo estremamente frammentato e rallentato.
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano i (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (technical cookies), per generare rapporti sulla navigazione (statistics cookies). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.