blog di Alberto Grandi
Articoli

Varrebbe la pena scrivere un romanzo sui Rich Kids of Instagram?2 min read

13 Agosto 2016 3 min read

author:

Varrebbe la pena scrivere un romanzo sui Rich Kids of Instagram?2 min read

Reading Time: 3 minutes

Da qualche anno, i portali di informazione, specie d’estate, pubblicano news sui Rich Kids of Instagram con tanto di gallery da 20, 30, 40 immagini. Chi sono i Rich Kids? Teenager privilegiati, figli di ricchissimi che pubblicano foto che sono uno schiaffo alla povertà. Li si vede a bordo della loro Lamborghini o della Ferrari o in compagnia di un ghepardo tenuto al guinzaglio con il collare tempestato di diamanti. Altra costante è lo sfoggio di orologi d’oro o di bottiglie di champagne che costano quanto lo stipendio di una vita di un impiegato, forse più.
Schermata 2016-08-13 alle 13.59.02
Le foto dei Rich Kids rientrano in quel fenomeno generale che consiste nello spammare la propria ricchezza attraverso i social, in particolare Instagram. Questa estate, in Italia, abbiamo avuto il caso di Gianluca Vacchi, figlio (usiamo questa parola anche se ha 49 anni) di una famiglia di imprenditori che promuove la sua vita tutta tatuaggi, abiti griffati, piscine in villa e amici a colpi di post. Milioni di visualizzazioni su Instagram .
Schermata 2016-08-13 alle 14.02.37
Ora, non ho nulla contro i Rich Kids of Instagram, né la pratica di sbattere in faccia al mondo la propria ricchezza. La si potrebbe anche prendere come una forma di auto ironia, di satira della dolce vita e dei suoi miti, veri e falsi. Ognuno è libero di fare quello che vuole, di esprimersi come vuole, nei limiti della legge. Però, una cosa mi sento di dirla: i Rich Kids of Instagram sono un fenomeno bidimensionale, inventato, senza ragion d’essere. Sono pura immagine.
Nel 1985, Breat Easton Ellis aveva pubblicato Meno di zero, romanzo che narrava il vuoto, più che morale umano, di una generazione di figli di ricchissimi viziati e senza punti di riferimento residenti a Los Angeles. Un vuoto che quei ragazzi cercavano di colmare compiendo azioni a tratti riprovevoli, annegando senza accorgersene nella stessa società edonista e materialista nella quale erano cresciuti. Era un romanzo tragico, raccontato con uno stile monocorde, anaffettivo.
9200000034340548
Il vuoto, il male, è spessore, qualcosa che vale la pena narrare. È una terza dimensione che si spinge oltre la bidimensionalità di fotografare col cellulare il proprio benessere. Il materialismo disperato degli anni Ottanta era una malattia, qualcosa che c’era e che quindi doveva trasformarsi in romanzo. Ma qual è lo spessore, il vuoto o il senso di pienezza trasmessi dalla ricchezza dei Rich Kids of Instagram? Nessuno. Non c’è quasi narcisismo. È solo un automatismo da clic. Mi compro un Rolex, clic, lo posto su Instagram. Non c’è disagio. Forse non c’è nemmeno l’invidia di chi guarda le loro foto su Instagram. Non c’è nulla da mostrare, alla fine, quindi nulla da raccontare.
Buona “Vacchi Dance” a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano i (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (technical cookies), per generare rapporti sulla navigazione (statistics cookies). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.