blog di Alberto Grandi
Cose da scrittori

Gli scrittori e l’odio per l’avverbio2 min read

28 Settembre 2015 3 min read

author:

Gli scrittori e l’odio per l’avverbio2 min read

Reading Time: 3 minutes

Un qualsiasi manuale di scrittura creativa li considera fumo nell’occhio: parliamo degli avverbi con suffisso in “mente”. Lunghi, inutili, sono come una sbavatura in fin di frase che rovina l’essenzialità del periodo.
L’avverbio, come il punto e virgola, non è necessario e, qualunque editor, tenderà a prediligere una scrittura necessaria a una descrittiva. Perché il potere della scrittura è evocare. Scrivere le parole indispensabili sulla pagina a delineare una storia, lasciando le altre all’immaginazione del lettore.
MTE5NDg0MDU1MTUzNTA5OTAz
Mark Twain più che consigliare, ordinava di uccidere gli avverbi (“If you see an adverb, kill it”). Stephen King li ha definiti “parole che modificano verbi, aggettivi o altri avverbi” e consiglia di starne lontani. Elmore Leonard, nelle sue dieci regole per scrivere narrativa, incoraggia a “non usare mai un avverbio per modificare il verbo ‘ha detto'”.
Di massima, questa regola è sempre valida anche perché in un manoscritto c’è più da sottrarre che da aggiungere e non di rado ciò che deve essere sottratto sono avverbi e aggettivi. Però è anche vero che l’avversione per gli avverbi come per gli aggettivi e la predilezione di una prosa sintetica e immediata sono le conseguenze di una dittatura, quella dell’editoria americana che ha imposto i registri stilistici della lingua anglofona anche a chi non scrive in inglese, e una narrativa cinematografica, basata sui fatti contro ogni velleità letteraria.
Dicevo, si tratta di una regola giusta, tutto sommato. Ma in una disciplina che ha poco dello scientifico e molto del personale, come la scrittura creativa, potrebbe essere anche una regola che smorza ogni originalità e ci conduce a una narrativa standardizzata senza scampo.
Prendiamo il seguente passo:
In uno scuorante quartiere d’una città essa medesima per tanti versi scuorante, al primo piano d’una casa borghese vivevano due zittelle colla vecchia madre. E buon per il lettore ch’io non sento il dovere, che a quanto sembra altri sente imperioso, di descrivere minutamente simili luoghi“.
È l’incipit di un romanzo breve di Tommaso Landolfi, Le due zittelle. In queste poche righe ci sono diverse infrazioni al regolamento del bravo scrittore: aggettivi ripetuti (scuorante), cascami letterari, un avverbio (minutamente).
ec5bd74bcc7c28e4ae1b973ab397e48e_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy
Landolfi è scrittore di atmosfere; lugubri, fantastiche, autunnali. E queste atmosfere non sono evocate con vampiri, licantropi o trame dal ritmo serrato, cose in cui un Stephen King è certamente maestro, ma spesso con l’uso sapiente del linguaggio. Un linguaggio pieno di rimandi ad altre lingue, dialetti e che con l’uso di avverbi e aggettivi è in grado di risvegliare uno stato d’animo nel lettore. Diceva, Calvino, che Landolfi era il primo scrittore dopo D’Annunzio che si divertiva con la lingua italiana e poteva farne ciò che voleva.
Certo  che prima di scrivere come Landolfi, bisognerebbe imparare a scrivere. E una delle lezioni da apprendere è appunto quella della sintesi.
Se rileggendo quello che hai scritto, trovi un avverbio, prova a cancellarlo per vedere come fila il discorso senza. Se fila bene e, tutto sommato, quell’avverbio è una perdita che puoi tollerare, allora hai fatto bene a sopprimerlo.
a1ec54d22a85dcb345cbdca088ac2b1459fefe6814d816888bb54b6729c416b7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano i (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (technical cookies), per generare rapporti sulla navigazione (statistics cookies). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.