blog di Alberto Grandi
Recensioni

Di lama e d’ocarina – Storie di tango – recensione di Bolassa Simone2 min read

22 Settembre 2015 2 min read

author:

Di lama e d’ocarina – Storie di tango – recensione di Bolassa Simone2 min read

Reading Time: 2 minutes
Articolo comparso su: Bolaboks


Voto: 7,5
Di cosa parla?
È un insieme di racconti dove inizialmente c’è la storia di Diego Alvaro a far da tronco alla struttura del libro e di seguito altri mini racconti come contorno e ad essa collegati.
La storia principale, quella appunto di Diego Alvaro de Marenquio Manaseo y Gregorio, narra di un uomo e del suo sogno di diventare il più grande tanguero della Pampa. La storia ha inizio con l’incontro più o meno fortuito con un chitarrista di Buenos Aires che poco prima di morire mangiando lo stufato in compagnia di Diego Alvaro gli rivela la ricetta magica per essere una grande tanguero e cioè: “Un tanguero deve portare un’ombra sul volto, un cerotto sul cuore, e una pallina sempre in tasca“.
Con queste parole Diego Alvaro decide di partire per Buenos Aires alla ricerca di quell’esperienza di vita che gli avrebbe permesso di essere un grande tanguero fra tradimenti, passioni, duelli, diavoli streghe e quanto di più caratteristico e pittoresco del mondo del Tango.
Commento:
Il libro è senz’altro divertente e scorre velocemente. La storia principale è piena di situazioni e immagini surreali con dialoghi divertentetissimi dove però traspare lo spirito tanguero e il fascino del Sudamerica. Sembra a volte di trovarsi in una storia a fumetti dove si passa da una scena all’altra velocemente e il protagonista è un eroe serio ma con quelle battute e con quelle frasi che lo rendono comico.
Anche le storie successive giocano sempre sul contrasto fra la melanconia seriosa e le battute che ti spiazzano. Vediamo così quei temi che toccano l’essere umano da sempre come lo scorrere del tempo, la gioventù perduta, la disillusione (Vent’anni), gli amori traditi (Era anche bello), gli amori mancati (Au cafè des amants) i sentimenti e le passioni trattati in maniera delicata e che alla fine ti lasciano come un buon caffè un sapore amaro e dolce allo stesso tempo.
Una storia che senz’altro si adatta bene per dialoghi e tempi a diventare una rappresentazione teatrale ma cosa ve lo dico a fare? E’ già uno spettacolo teatrale per cui buon divertimento
Citazione:
Perché così è certa gente, che dove passa lascia cadere a terra, dalle tasche bucate e dai balconi degli occhi molecole d’infinito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano i (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (technical cookies), per generare rapporti sulla navigazione (statistics cookies). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.