blog di Alberto Grandi
Uncategorized

Penne Matte al Salone di Torino per parlare di writing community3 min read

16 Maggio 2015 3 min read

author:

Penne Matte al Salone di Torino per parlare di writing community3 min read

Reading Time: 3 minutes

keepcalmwattpad
Si è da poco concluso al Salone del libro di Torino il panel sulle writing community, coordinato dallo scrivente Alberto Grandi, giornalista di Wired.it e amministratore di Penne Matte, ospiti Leonardo Patrignani, autore della trilogia Multiversum (Mondadori), Paola Chiozza autrice Wattpad di Kajira: la schiava ribelle, romanzo distopico ed erotico, e Irene Pistolato, autrice Wattpad di Ti va di rischiare?, romanzo d’amore. Erano presenti dunque due autrici che scrivono su Internet a contatto diretto con i lettori che commentano le loro opere e un autore “tradizionale” per così dire, cioè pubblicato da un grande editore cartaceo.
Il confronto che ne è emerso è stato interessante. La sala era piena come segnalato dal tweet del Salone. Insomma, è stato un bell’evento e se ve lo siete perso eccone un breve resoconto.


 
Alcune cifre riguardo a Wattpad: Questa community, nata nel 2006, stando agli ultimi dati che ha fatto circolare vanta 40 milioni di utenti in tutto il mondo, registra una media di un iscritto al secondo, solo nel 2014 i suoi utenti l’hanno utilizzata per scrivere su iOS e Android 20 milioni di parole e in tutto conta 80 milioni di storie caricate (sicuramente ora sono molte di più). L’80% dei suoi utenti sono teenager e l’85% donne.
La maggior parte delle opere che ospita sono di genere Fanfiction e molte di queste hanno contenuti erotici molto forti. Leggendo queste cifre viene spontaneo chiedersi se sia vero che i lettori in Italia sono diminuiti. Sicuramente gli italiani comprano meno libri che in passato, ma quanti li scaricano gratuitamente dalla rete? E quanti leggono le opere postate gratuitamente su community come Wattpad e questa che state leggendo? Il calo di vendite è compensato dall’offerta free del web? Ho una parziale risposta a questo interrogativo.
Poco prima che il panel cominciasse ho avuto il piacere di conoscere dal vivo Luca Rossi, uno dei self author di maggior successo in Italia, firma di Energie della galassia e altri libri (Penne Matte ebbe il piacere di intervistarlo qualche tempo fa), un autore che vende decine di migliaia di copie. I suoi lettori sicuramente superano le copie ufficiali, dato che in molti scaricano le versioni piratate delle sue opere. Dunque sì, diversi lettori non hanno smesso di leggere, continuano a farlo senza spendere un centesimo.
 

Ho chiesto a Paola e a Irene cosa sarebbe successo ai loro romanzi che hanno totalizzato rispettivamente, alla data odierna, 700 mila e 1 milione e 300 mila  visualizzazioni, se non ci fossero stati Wattpad e Internet.

Paola mi ha risposto che probabilmente la sua “schiava ribelle” avrebbe vissuto nelle pagine di un diario personale; Irene ha detto che la sua storia non sarebbe nata; entrambe hanno affermato che l’incoraggiamento e i consigli degli utenti che commentavano i loro romanzi a mano a mano che postavano i capitoli, sono stati fondamentali per finirli.
Internet non solo ha trasformato il mestiere di scrivere anche quello di leggere, ha reso i due ruoli meno solitari.
Rimane un problema: come capitalizzare questa incredibile massa di creatività che si sposta nel breve tempo di un clic? Detto in modo più prosaico: come guadagnarci?
Guadagnare con Internet è possibile, ma non così scontato e forse la risposta è che i guadagni ci possono essere ma sono nettamente minori rispetto alla carta.

Se quel milione e 300 mila visualizzazioni corrispondessero ad altrettanti lettori paganti e Ti va di rischiare? di Irene anziché una storia su Wattpad fosse un libro cartaceo con tanto di copertina rigida, in vendita a 15 euro, oggi Irene sarebbe milionaria.
La rete rende possibile il sogno di scrivere e venire letti da un fracasso di persone, ma non risolve il problema di un conto in banca e stipendi fermi da più di dieci anni.

Comunque complimenti a Irene e a Paola e a Leonardo, tutti e tre meritano di essere letti sia in formato cartaceo sia digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito web utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano i (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (technical cookies), per generare rapporti sulla navigazione (statistics cookies). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.