I “fratelli africani” di Balo che raccontano l’Italia con la penna in mano

Penne Matte

Da giovedì 3 luglio 2014, è online Penne Matte, un social network dedicato a chi scrive e a chi legge narrativa in rete. Il sito, costruito con WordPress, è ideato e diretto da Alberto Grandi, giornalista professionista, redattore presso Wired.it, e costruito dalla web agency Area51Lab. Penne Matte fornisce agli autori – self publisher o sotto contratto – così come alle case editrici, un servizio di anteprima che, per qualità grafica, avvicina l’esperienza di lettura online a quella di un libro cartaceo.

Come funziona? Ogni autore, iscrivendosi gratuitamente, tramite un’interfaccia intuitiva, ha la possibilità di creare una lista delle proprie opere, sia in bozza sia pubblicate, e aggiornare quella dei suoi follower e degli altri autori che sta seguendo. Le anteprime pubblicate sono indicizzate automaticamente in home page tra “Le storie più recenti” e, a seconda del riscontro della community con commenti, votazioni e visualizzazioni, tra “Le storie più lette”.

L’anteprima – si tratti di un racconto, un romanzo o una poesia – ha una lunghezza massima di 9500 caratteri, spazi inclusi (circa 10 pagine), ed è affiancata da alcune informazioni che l’autore ha facoltà di inserire al fine di indirizzare i lettori che desiderino proseguire la lettura del suo scritto.
Tramite pulsanti-icone, l’autore segnala i link al suo blog o agli store digitali dove è disponibile la versione integrale dell’opera. Un’altra opzione è quella di caricare l’opera in formato pdf su Penne Matte, per renderla scaricabile gratuitamente.

Penne Matte si propone come una piattaforma gratuita e utile a chi scrive per guadagnare visibilità, a chi legge di modo da farlo comodamente al computer, e alle case editrici che vogliano pubblicare le anteprime dei titoli in catalogo indirizzando i potenziali acquirenti alla propria libreria digitale.
Oltre che piattaforma ospite di anteprime, Penne Matte è anche sito di news, interviste e contenuti vari riguardanti il mondo della letteratura e dell’editoria, e presenza fissa sui social network, socializzando i contenuti caricati dagli utenti su Facebook, Twitter e Google+.

Lascia un commento