Alberto Grandi
Follower115


Il cerchio magico

Il fantasma di un pugile racconta l'incontro fatale che gli costò la vita

scarica l'opera completa

Amazon Altro sito web

ALTRI RACCONTI DELL'AUTORE

Assassina
views 2246 | comments 2
L’ultimo cane nazista
views 625 | comments 0
GUARDALI TUTTI
Il cerchio magico Chiudi

Il cerchio magico

racconto Fantasy

Loading pages...

PAROLE CHIAVE

LA TUA OPINIONE

5 votes, average: 3,00 out of 55 votes, average: 3,00 out of 55 votes, average: 3,00 out of 55 votes, average: 3,00 out of 55 votes, average: 3,00 out of 5 (5 voti, media: 3,00 di 5)
È necessario essere un utente registrato per votare.
Loading...

Lascia un commento

6 pensieri su “Il cerchio magico

  1. mdomizia@hotmail.com

    Racconto dal ritmo incalzante che spinge il lettore alla voracità. Coinvolgente l’ambientazione del ring, metafora della vita che l’uomo impavido affronta, spesso come un avversario da sfidare senza tregua. Originale la scelta dell’Io narrante, grande capacità narrativa condita da quel leggero pizzico di ironica fatalità.

  2. jol_oscar@yahoo.it

    La storia in sé mi è parsa poco originale, se non nel finale a sorpresa. Mi sarebbe piaciuto un approfondimento su quell’ultima parte, che ben si prestava a un racconto di più ampio respiro e dai risvolti inaspettati. Tuttavia ho apprezzato l’esposizione e l’ottimo stile narrativo che rendono la lettura leggera e scorrevole.

  3. Emanuele Martini

    Il racconto è fatto veramente MOLTO BENE, soprattutto l’inizio, in sole due righe incolla il lettore sul testo. Lo sviluppo è coerente, i termini tecnici creano il giusto clima e la psiche, tanto dell’allenatore quanto del protagonista, risulta credibile.
    Lo scontro inoltre risulta molto verosimile in termini di combattimento.
    Per quel che riguarda i singoli periodi che compongono il testo, personalmente forse rivedrei alcuni punti, ma sono più consigli che necessità.
    “Lui vi dirà che (…) come se ce l’avesse nera” Questa frase forse andrebbe accorciata togliendo il finale per questioni di ritmo.
    “Il mio avversario non sembrava (…) sgraziato. ERA un i impasto (…) vita, TANT’ERA BRUTTO.” Qui toglierei le parti in maiuscolo, secondo me renderebbe la descrizione ancor più efficace.
    “Di nuovo le sue parole mi hanno indisposto” forse ritmerebbe di più “Di nuovo le parole giuste”.
    Era stato allora che mi ero visto andare a tappeto (.) E, quando dico mi ero visto, intendo proprio quello.” Qui sostituirei il punto tra parentesi con la virgola dopo la congiunzione.
    Voglio essere chiaro, ti segnalo quelle che mi paiono minuzie semplicemente perché il racconto è, per il resto, PERFETTO.
    Penso che lo userò come CASE STUDY per imparare a scrivere meglio.

    1. Alberto Autore articolo

      Ciao Emanuele, grazie delle tue critiche puntuali che, devo dire, condivido. Come condivido l’attenzione per il ritmo della prosa, che può essere condizionato dalla singola parola (o dalla punteggiatura). Questo è un racconto riuscito anche perché attinge dalla mia grande passione per il pugilato.
      Buona giornata!