Quando la morte è un personaggio