La mappa del fantasy italiano

Penne Matte

SEI UNO SCRITTORE FANTASY?
Questo progetto potrebbe interessarti.
Tramite My Maps di Google ho creato una mappa per segnalare mostri, fate, folletti, tutte le creature leggendarie che compongono il grande panorama del folclore fantastico della nostra Penisola, ma non solo.
Accanto alle leggende geolocalizzerò gli scrittori di oggi e di ieri che hanno contribuito e contribuiscono a tener vivo il fantasy nostrano.
Dunque, se sei uno scrittore  fantasy e hai pubblicato le tue opere sia tramite casa editrice sia su una delle tante piattaforme di self publishing o writing community del web come Penne Matte, non devi fare altro che segnalarmelo e comunicarmi via posta elettronica (penne.matte@gmail.com) il tuo nome, la tua città di residenza e il link di riferimento delle tue opere, io ti inserirò nella mappa.


Al momento ho cominciato inserendo alcune voci relative al folclore italiano che ho reperito su Internet. Ad esempio, per la Borda che è una strega dell’Emilia Romagna, dopo averla geolocalizzata con il cursore, ho copiato e incollato le prime righe relative alla voce accompagnate da un link che rimandi alla fonte e da un’immagine che ne costituisca anche l’icona sulla mappa.
Schermata 2016-06-08 alle 17.32.11
La stessa cosa intendo fare con gli scrittori sia self che pubblicati da case editrici.
Prendiamo il caso di Licia Troisi: ho geolocalizzato la scrittrice nella sua città natale, Roma, ho preso una foto di lei e l’ho affiancata con le prime righe della sua pagina profilo su Wikipedia.
Schermata 2016-06-08 alle 19.18.02
Oltre che personaggi immaginari e autori, la mappa si propone di essere uno strumento per chi cerca luoghi fisici come bar, librerie, mercatini, ove riunirsi a persone che nutrono la medesima passione per il fantasy. Penne Matte ha ormai più di 5200 iscritti e la maggior parte degli autori amano questo genere letterario, è ora di conoscerci, voi che dite?
Schermata 2016-06-08 alle 19.29.43
La mappa è naturalmente un work in progress. La riempirò nel tempo. E magari in futuro diverrà un progetto condiviso in cui più utenti iscritti a Penne Matte potranno partecipare arricchendola di altre informazioni.

 

Lascia una risposta